Lorenzin: la chiusura delle cliniche con meno di 60 posti letto va riprogrammata. L'intervento all'Assemblea Aiop

on . Postato in Notizie

assembleaaiop07052014Assemblea Straordinaria di Aiop, l'Associazione Italiana Ospedalità Privata:

«Fare cassa tagliando la sanità non è più possibile. La sanità – ha affermato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel suo intervento – è un comparto che ha già dato tanto da questo punto di vista e non era più in grado di sostenere tagli lineari. Ovviamente dobbiamo apportare dei miglioramenti al sistema per renderlo sostenibile. Dobbiamo migliorare la governance e tagliare gli sprechi, riportare la salute e le politiche sanitarie al centro dell'agenda politica dell'Italia e dell'Ue. Le politiche sanitarie non devono essere fatte dal ministero dell'Economia come è avvenuto, ma dal ministero della Salute».

11° Rapporto sull'attività ospedaliera in Italia

on . Postato in Notizie

foto210/12/2013 Presentato dall'AIOP a Roma presso la sede del CNEL l'undicesimo rapporto "Ospedali & Salute".

Nella foto da sinistra, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il Presidente dell'AIOP Gabriele Pelissero ed il Vicepresidente Barbara Cittadini, moderatrice della tavola rotonda sul tema "Il SSN quale futuro?

Avanzata la richiesta di modifica dell'atto di indirizzo per la rimodulazione della rete ospedaliera

on . Postato in Notizie

barbaracittadinistudioBarbara Cittadini scrive all'Assessorato regionale della Salute. 

Il presidente dell'Aiop Sicilia, Barbara Cittadini, ha inoltrato lo scorso 27 novembre una lettera al Presidente della Regione siciliana e all'Assessorato regionale della Salute, in merito alla rimodulazione della rete ospedaliera regionale. In queste righe ha ribadito che "il Governo della Regione, nell'operare le Sue determinazioni, non può non terne conto che l'ospedalità privata accreditata ha adempiuto agli obblighi di rifunzionalizzazione, previsti nel Piano di rientro, trasformando circa 600 posti letto per acuti in posti letto per post-acuti, differentemente dal pubblico".